Paesaggi himalayani

Un percorso fra paesaggi di bellezza struggente, a volte dolcissimi e a volte quasi ostili, tetti d’oro e mulini ad acqua, danze in maschera che rappresentano l’interminabile lotta tra dèi e demoni, bandierine multicolori che affidano al vento le preghiere degli uomini, perché fra le montagne della grande Himalaya la fede assume i colori della festa.



IL VIAGGIO

13 giorni / 12 notti

DELHI - CHANDIGARH -MANDI -MANALI -KEYLONG -SARCHU - LEH -NUBRA VALLEY- LEH - DELHI

1° giorno: DELHI
Arrivo individuale a Delhi in mattinata. Accoglienza in aeroporto e trasferimento in hotel.
Pomeriggio a disposizione a Delhi, metropoli monumentale e sede delle istituzioni governative, che ci accoglie con le tipiche contraddizioni indiane:razionalità delle multinazionali efolla frastornante dei bazar,fast food e chai-shop, grattacieli e fortezze medioevali, schermi al plasma e insegne pubblicitarie dipinte a mano.
Pernottamento.

2° giorno: DELHI / CHANDIGARH – MANDI (190 Km - 6 ore)
Trasferimento alla stazione ferroviaria.
Partenza alle 07.40 con treno rapido per Chandigarh e arrivo alle 11.00. Proseguimento in auto verso le verdi colline dell’Himachal, attraversando piccoli villaggi montani.
Nel tardo pomeriggio arrivo a Mandi, situata a 750 m. di altitudine sulla riva del fiume Beas. Arrivo e sistemazione in hotel.
Mezza pensione che include la cena.

3° giorno: MANDI – MANALI (110 Km - 4 ore)
Al mattino partenza per Manali, una delle più conosciute stazioni climatiche indiane situata in un’ampia valle a 2050 m. di altitudine.Arrivo e sistemazione in hotel.
Nel pomeriggio visitadel tempio dedicato alla dea Hadimba Devi,dalla caratteristica architettura a pagoda e circondato dalla foresta. Il tempio, costruito nel 1533, ospita ogni anno in maggio un colorito festival.
In seguito visita della vecchia Manali, che dista circa 3 km. dall’attuale città, con il tempio di Manu dove, secondo la leggenda, la specie umana ebbe un nuovo inizio dopo il diluvio universale.
Mezza pensione che include la cena.

4° giorno: MANALI - KEYLONG (120 Km - 6 ore)
Si lascia Manali al mattino presto per raggiungere il valico del Rothang Pass a 3.978 m. per poi discendere fino a Gramphu dove la strada si biforca verso la valle di Spiti, offrendo scorci panoramici stupendi su verdi pascoli, fiumi e ghiacciai.Proseguendo lungo il corso del fiume Bhaga si raggiunge Keylong.
Sistemazione in hotel.
Pensione completa.

5° giorno: KEYLONG - SARCHU (103 Km - 5/6 ore)
Da Keylong la strada si inerpica su per aspri pendii fino al passo Baralacha-la a 4.883 metri, punto di incontro delle strade provenienti da Zanskar, Ladakh, Spiti e Lahaul.
Attraversato il confine tra l’Himachal Pradesh e il Jammu & Kashmir si raggiunge Sarchu. Sistemazione in campo tendato situato a 4.200 m. di altitudine (questa sarà la notte più fredda dell’intero tour; è consigliabile portare con sé un sacco a pelo).
Pensione completa.

6° giorno: SARCHU - LEH (250 Km - 8/9 ore)
Ultima e più impegnativa tappa di avvicinamento a Leh.
Il paesaggio è spettacolare, grandioso e sconfinato, dove tempo e distanza perdono il loro significato. La strada polverosa sale a ziz-zag fino al passo Lachung-La (5.065 m.)e poi si attraversa il secondo passo carrozzabile più alto del mondo, il Tanglang-La a ben 5.350 metri di altitudine.
Spettacolari vedute sulla catena del Karakorum. Inizia la discesa verso Leh, posta in una valle a 3.600 m. Arrivo e sistemazione in hotel.
Pensione completa.

7° giorno: LEH
Leh, incorniciata da alte montagne e ghiacciai, si distende fra campi d’orzo coltivati con metodi arcaici ed è la più alta stazione meteorologica dell’Asia.
Mattinata di riposo per acclimatarsi all’altitudine (m. 3.520), mentre si può dedicare il pomeriggio ad una passeggiata nel bazar, un variopinto crogiuolo di genti fra mercatini di ortaggi, botteghe di artigianato e piccoli ristoranti.
Pensione completa.

8° giorno: LEH
Giornate dedicate alla visita di alcuni dei “gompas” - le cittadelle monastiche lamaiste - più importanti della regione.
Thiksey, sulla destra del fiume Indo, è architettonicamente impressionante con i suoi dodici piani e aggrappato al fianco di un dirupo sovrastante il fiume. Al suo interno si trovano ben dieci templi con numerosi affreschi, pitture, statue e “thankas”di tipo astrologico-religioso in cui si coglie il legame tra la religione buddista e il culto animista “bon” che la precedette.
Hemis, il più importante complesso monastico del Ladakh, del 1600, ospita numerosi monaci della setta “berretto rosso”. La costruzione a tre piani possiede ampie balconate in legno intarsiato e dipinto a vivaci colori. Il monasteroè arricchito da preziosi “tankhas”, i dipinti a soggetto religioso, ed è noto soprattutto per la festa annuale durante la quale i monaci, con danze rituali in maschera, rievocano la nascita del primo“Rimpoche” e l’avvento del buddismo in Ladakh.
Pensione completa.

9° giorno: LEH – NUBRA VALLEY (126 Km - 5 ore)
Lasciata Leh al mattino presto, inizia la salita al passo Khardung-La, la strada carrozzabile più alta del mondo, a 5.603 m. con panorami straordinari sulle vette del Karakorum. Si superano due check points e poi inizia la discesa verso la valle di Nubra, incontrando il villaggio d’alta quota di Khardong e poi raggiungendo Sumur. Sistemazione al campo tendato.
Nel pomeriggio visita del Samstanling Gompa fondato da Lama Tsultims Nima, dove risiede una comunità di circa 60 monaci. Il monastero ha regole molto rigide, come l’ingresso non consentito alle donne prima dell’alba e dopo il tramonto; il divieto di introdurre sigarette, alcolici e cibi non strettamente vegetariani.
Pensione completa.

10° giorno: NUBRA VALLEY
Giornata di esplorazione della valle, uno dei paesaggi himalayani più mistici e suggestivi, dove transitavano le carovane cariche di sete, gioielli e preziosi che dall’Asia centrale e dal Tibet raggiungevano la valle dell’Indo. Si parte al mattino per visitare il monastero di Hundar ed il villaggio situati tra le dune di sabbia bianca e incontrando carovane di cammelli battriani (a due gobbe). Il villaggio di Hundar è una vera oasi di alberi e di verde. Di qui, a piedi o a dorso di cammello (con supplemento da pagare localmente)attraversando un paesaggio straordinario si raggiunge il villaggio di Diskit, capoluogo della regione, a 2900 m. di altitudine.Visita del monastero del XIV secolo appartenente alla setta “berretti gialli” che ospita anche oggi circa 120 monaci.
L’esplorazione della valle prosegue poi con la sorgente sulfurea di Panamik ed una passeggiata nel villaggio di Tirith.
Pensione completa.

11° giorno: VALLE DI NUBRA - LEH
Dopo la prima colazione partenza per Leh percorrendo la stessa strada del viaggio di andata e superando nuovamente il passo Khardung-La. Pranzo picnic in corso di viaggio.
All’arrivo a Leh sistemazione in hotel e fine pomeriggio libero.
Mezza pensione che include il pranzo picnic.

12° giorno: LEH / DELHI
Al mattino, dopo la prima colazione, trasferimento all’aeroporto di Leh (45 km) e volo per Delhi.
Sistemazione in hotel e giornata a disposizione.
Prima colazione e pernottamento.

13° giorno: DELHI
Trasferimento all’aeroporto per il volo di rientro in Italia.


ESTENSIONE IN KASHMIR


ESTENSIONE IN KASHMIR

5 giorni / 4 notti - pensione completa
Da Leh

LEH - ULEYTOPKO - KARGIL - SRINAGAR - DELHI

1° giorno: LEH - ALCHI- ULEYTOPKO
Dopo la prima colazione partenza per Leh percorrendo la stessa strada del viaggio di andata e superando nuovamente il passo Khardung-La.Proseguimento per Alchi e visita del “Gompa” di Alchi sulla riva del fiume Indo, l’unico monastero a non essere posizionato su un’altura.
Il complesso monastico, costituito da sei templi principali disposti intorno ad un grande “chorten” (monumento votivo), conserva un grande patrimonio artistico di pittura e scultura, dove si possono individuare influenze esterne kashmir, hindu, cinesi e persiane. Attualmente Alchi non è più un centro religioso attivo, ma solo patrimonio culturale.
Sistemazione all’Uleytopko Camp.
Pensione completa.

2° giorno: ALCHI - LAMAYURU - KARGIL (150 Km - 5 ore)
Prima colazione al campo e poi partenza per il monastero di Lamayuru. “La città dei lama” è il più antico centro religioso del Ladakh, in origine dedicato al culto animista Bon, prima dell’avvento del buddismo. Situato a 3.460 m. su un promontorio di aspre rocce di colori e tonalità diversi, spaccate da enormi fenditure, domina il villaggio e la valle che, con le chiazze verdi di alberi e coltivazioni, contrasta e stempera la severità del paesaggio.
Storia e leggenda si intrecciano a delineare le vicende di Lamayuru, che vengono ricordate ogni anno in marzo (il secondo mese del calendario tibetano) con scenografiche cerimonie durante le quali i lama indossano maschere e paramenti molto suggestivi.
Proseguimento per Kargil (2.750 m.) capoluogo del basso Ladakh, paese con popolazionemusulmana sciita.
Sistemazione in campo tendato.
Pensione completa.

3° giorno: KARGIL – SRINAGAR (205 Km - 5 ore)
Al mattino partenza per Srinagar percorrendo una strada pietrosa con numerosi saliscendi. Si attraversanole cittadine di Drass e Matayan per iniziare poi la salita al passo di Zoji-la (3470 m).Dopo il valico il paesaggio diventa tipicamente alpino. Lungo il percorso si incontra Sonamarg, che merita una sosta, per proseguire poi tra risaie e frutteti verso Srinagar, capitale estiva del Kashmir, che si trova a 1730 m. lungo il fiume Jhelum – affluente dell’Indo – e intorno a diversi laghi.
Sistemazione in houseboat ancorata sulla riva del lago.
Pensione completa.

4° giorno: SRINAGAR
Giornata dedicata al relax e alle visite: la città vecchia di Srinagar con le sue moschee ed il museo, ifamosi giardini moghul del XVII secolo, tra cui il Nishant Bagh (giardino del piacere) ed il Shalimar Bagh (dimora dell’amore) situati sulle rive del lago Dal.
Il passatempo più piacevole consiste nello spostarsi in “shikara”, gondole a remo, per esplorare i numerosi canali che collegano tra loro i diversi laghi con i loro giardini galleggianti ed il caratteristico floating market .
Pensione completa.

5° giorno: SRINAGAR / DELHI
Prima colazione in houseboat.
Trasferimento all’aeroporto e volo per Delhi.


TARIFFE


PAESAGGI HIMALAYANI


QUOTE DI PARTECIPAZIONE: SU RICHIESTA





ESTENSIONE IN KASHMIR

ESTENSIONE IN KASHMIR

QUOTE DI PARTECIPAZIONE: SU RICHIESTA