Mosaico birmano

Il visitatore in Birmania è continuamente rimandato ad epoche passate, che si confondono con il mito, ed attratto da visioni sorprendenti e inaspettate. Lunghi decenni di isolamento ne hanno preservato l’anima, fatta di spiritualità e mistero, ed è questo – forse – che fa della Birmania un luogo incantato e incantevole, un paese incredibilmente affascinante.
Un viaggio che si concentra intorno agli highlights del Paese. L’escursione a Kyeikhtiyoe è poi una delle più suggestive e commoventi, come la Roccia d’oro, a precipizio sulla valle, sfida le leggi di gravità, e attrae la devozione dei fedeli che vi giungono in pellegrinaggio. 


IL VIAGGIO


10 giorni / 9 notti
Viaggio con guida locale di lingua italiana: partenza ogni domenica
Viaggio individuale: partenze giornaliere, minimo 2 persone

YANGON -
KYEIKHTIYOE - BAGAN - MANDALAY - INLE LAKE - PINDAYA

1° giorno: YANGON
Arrivo in mattinata a Yangon. Fin dal primo momento saremo catturati dal sorriso gentile della gente e da quella misteriosa “magìa orientale” che forse sopravvive solo più in Myanmar.
Il senso di magìa diventa tangibile quando, nel pomeriggio, visitiamo due dei più importanti e venerati siti di Yangon: il Buddha disteso di Chaukhtatgyi e la pagoda d’oro Shwedagon, un’opera architettonica sublime che è anche il simbolo di un paese dove il buddismo permea ogni aspetto dell’esistenza.
Cena e pernottamento.

2° giorno: YANGON - KYEIKHTIYOE
Partenza per Kyeikhtiyoe, a circa 160 km dalla capitale, raggiungibile in 5-6 ore di viaggio, uno dei luoghi più straordinari della Birmania. Qui sorge la Pagoda della Roccia d’Oro, piccolo reliquiario costruito su un enorme masso ricoperto d’oro, in bilico su uno strapiombo, che sembra sfidare la legge di gravità.
In auto si raggiunge il campo base di Kimpun, da dove si prosegue in autocarro lungo una stradina di montagna per circa un’ora. L’ultimo tratto fino alla pagoda si percorre a piedi per circa 50 minuti. Al termine della visita alla Roccia d’oro si giunge all’hotel Mountain Top. Sistemazione.
Pensione completa.

3° giorno: KYEKHTIYOE - BAGO - YANGON
Si ripercorre a ritroso la strada fino alla base della collina e da qui - in auto - si raggiunge Bago, antica capitale Mon che conserva preziose testimonianze culturali e religiose. Tra queste, il tempio Kyaikpun dove sono custodite quattro statue di Buddha0 alte 30 m; la pagoda Shwemawdaw, uno dei più imponenti edifici religiosi del sud-est asiatico e poi la famosa statua del Buddha disteso, lunga 55 m. e alta 16, che risale al X secolo.
Nel pomeriggio rientro in treno a Yangon.
Pensione completa.

4° giorno: YANGON / BAGAN
Con un breve volo al mattino presto si raggiunge l’antichissima città di Bagan, che raggiunse il suo massimo splendore nel XI secolo.
La piana di Bagan, è uno degli spettacoli più stupefacenti della Birmania: in 40 kmq si addensano letteralmente migliaia di templi e pagode degli stili e delle misure più vari e differenti. Tutto ciò che si vede è stato costruito nello spazio di due secoli e mezzo. Un fervore religioso senza precedenti, una follia di fantastiche creazioni che furono poi abbandonate in seguito all’invasione dei Mongoli di Kublai Khan.
La visita inizia con la pagoda Shwezigon, il più importante reliquiario di Bagan, creato per diventare luogo di preghiera della nuova fede buddista therevada introdotta dal re Anawratha nel XI secolo; il tempio Wetkyi-in Gubyakkyi con bei dipinti murali, il tempio delle scienze universali Htilominlo e il tempio Myinkaba Gubyaukkyi in tipico stile Mon. A sud del villaggio di Myinkaba si visita il tempio di Manuha dove il re fu esiliato e fece edificare il tempio che contiene statue di Buddha imprigionate nello spazio ristretto della pagoda, a simboleggiare l’afflizione del re in esilio.
Pensione completa che include il pranzo in corso di visita e la cena in ristorante con spettacolo di marionette.

5° giorno: BAGAN / MANDALAY
Al mattino partenza in auto per Mandalay, quattro ore circa di viaggio attraverso i villaggi e i paesaggi rurali della Birmania centrale. Arrivo e sistemazione in hotel.
Mandalay è la città sacra per eccellenza e i suoi numerosi monasteri fungono da università della dottrina buddista che da qui si diffonde poi in tutto il paese. È anche culla delle arti e dell’artigianato e intagliatori di avorio, legno, pietra, oro, gioiellieri, tessitori di seta lavorano senza sosta seguendo la tradizione dei loro antenati.
Visita al monastero Shwenandaw dagli splendidi intarsi di legno, meraviglioso esempio di arte tradizionale birmana e unico superstite degli edifici del Palazzo Reale. In seguito si visitano i laboratori artigianali di orafi, intagliatori e scultori prima di recarci in vetta alla collina di Mandalay per una panoramica della città nella luce dorata del tramonto.
Pensione completa che include il pranzo in ristorante.

6° giorno: MANDALAY
Al mattino visita della città deserta di Amarapura, che cedette il suo ruolo di capitale a Mandalay. Del suo passato restano le quattro pagode che segnavano gli angoli della cinta muraria. Si visita poi il monastero Mahagandayon, importante centro di meditazione e il ponte U Bein che attraversa il Lago Taungthaman. Si tratta ancora oggi del più lungo ponte in legno di teak del mondo e dal centro del ponte si ammira un paesaggio unico.
Visita della pagoda Maha Muni (del Grande Saggio) risalente al 1784, la più importante struttura religiosa di Mandalay che custodisce al suo interno un'immagine raffigurante il Buddha seduto Mahamuni, simbolo di culto e di grande venerazione.
In barca lungo il fiume Irrawaddy, si raggiunge la cittadina di Mingun con monumenti di grande interesse, anche se è soprattutto la dolcezza del paesaggio birmano la grande attrazione. Visita di alcune pagode tra cui la Settawya che conserva un’impronta in marmo del piede di Buddha, la Pondawyapaya, copia in dimensione ridotta dell’enorme pagoda Mantaragyi e della “Mingun Bell” la campana più grande del mondo, alta quasi quattro metri e del peso di circa 90 tonnellate.
Pensione completa che include il pranzo e la cena in ristorante.

7° giorno: MANDALAY / HEHO - LAGO INLE
Con un volo del mattino si raggiunge Heho nello stato settentrionale di Shan, una regione tribale dal paesaggio mistico, straordinariamente suggestivo.
Dall’aeroporto di Heho proseguimento in auto per il lago Inle e sistemazione in hotel.
Giornata dedicata all’esplorazione del lago, un luogo straordinario e non soltanto per le bellezze naturali, ma per gli elementi sorprendenti che la popolazione Intha ha escogitato per il proprio sostentamento. Fra questi, le isole galleggianti composte da limo e detriti di piante acquatiche che gli Intha trasformano in orti coltivati, o la tecnica usata dai pescatori per sospingere le snelle imbarcazioni, manovrando l’ unico remo con una gamba.
Al centro del lago sorge la pagoda Phaung Daw Oo con le cinque statue di Buddha ricoperte di foglie d’oro e poi il monastero Ngaphae Chaung, noto per i gatti “saltatori” addestrati dai monaci.
Pensione completa che include il pranzo in ristorante.

8° giorno: LAGO INLE
Proseguimento dell’esplorazione della regione, situata a oltre 1300 metri di altitudine, con incantevoli paesaggi. Con un percorso in barca di un’ora e mezzo si raggiunge la sponda occidentale del lago, da dove inizia un percorso a scalini per raggiungere il complesso monumentale Inn Thein (Indein), quasi misconosciuto e straordinariamente suggestivo, che consiste di un migliaio di piccoli stupa avvolti dal muschio e dalla vegetazione.
Pensione completa che include il pranzo in ristorante.

9° giorno: LAGO INLE – KALAW – PINDAYA
Trasferimento alla stazione ferroviaria di Shwe Nyaung e partenza alle 09.00 circa in treno locale per Kalaw attraverso una regione di grandi bellezze naturali. Arrivo a Kalaw, una tranquilla cittadina un tempo centro di villeggiatura per i funzionari dell’impero britannico, e pranzo in ristorante locale.
Nel pomeriggio proseguimento per Pindaya. Dal lago su cui si affaccia la cittadina, una scalinata conduce alla grotta che al suo interno custodisce migliaia di immagini di Buddha di vari stili e periodi, molte delle quali sono antiche di alcuni secoli. Nei pressi del lago e sulle colline sorgono numerose pagode. Arrivo e sistemazione in hotel.
Pensione completa che include il pranzo in ristorante.

10° giorno – PINDAYA / HEHO / YANGON
In aereo si fa ritorno a Yangon, approfondendo la visita della città con la pagoda di Sule, uno stupa ricoperto d’oro del III secolo a.C., proprio al centro della città vittoriana di epoca coloniale.
Pranzo in ristorante e, nel pomeriggio, trasferimento all’aeroporto per il proseguimento del viaggio.



TARIFFE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE
Le quote sono espresse in Euro e si intendono per persona

 

Viaggio di gruppo

Viaggio privato
min. 2 persone

Suppl. singola

Maggio - Settembre ‘17

2.250

2.390

515

Sistemazioni alberghiere:
Yangon, Sedona
Kyeikhtiyoe, Mountain Top / Golden Rock
Bagan, Thazin Garden / Myanmar Treasure Bagan
Mandalay, Mandalay Hill Resort / Sedona
Inle Lake, Hupin Khaung Daing Resort / Amata
Pindaya, Pindaya Inle Inn Resort

Diritti di prenotazione: € 70 Adulti - € 30 Bambini
Gratis per chi effettua il secondo viaggio Carréblu nello stesso anno

Assicurazione annullamento viaggio
Tabella premi, per persona:

 

Quota di partecipazione al viaggio

Premio
per assicurato

 

Fino

a

€ 1.000,00

€ 30,00

Da

€ 1.001,01

a

€ 2.000,00

€ 60,00

Da

€ 2.000,01

a

€ 3.000,00

€ 90,00

Da

€ 3.000,01

a

€ 4.000,00

€ 118,00

Da

€ 4.000,01

a

€ 5.000,00

€ 145,00

Da

€ 5.000,01

a

€ 6.500,00

€ 190,00

Da

€ 6.500,01

a

€ 8.000,00

€ 235,00

Da

€ 8.000,01

a

€ 10.000,00

€ 295,00

Da

€ 10.000,01

a

€ 12.500,00

€ 369,00

Da

€ 12.500,01

a

€ 15.000,00

€ 443,00

Da

€ 15.000,01

a

€ 20.000,00

€ 590,00

Il premio, non rimborsabile, deve essere aggiunto al costo degli altri servizi.
Consulta i dettagli delle polizze assicurative Amitour e Amitravel.

LA QUOTA COMPRENDE:
- I voli domestici Yangon/Bagan; Mandalay/Heho/Yangon
- Treno locale Bago-Yangon e Shwe Nyaung (Inle) – Aungban (Pindaya)
- La sistemazione in camera doppia negli alberghi indicati o di pari categoria
- La pensione completa (pasti in hotel e in ristoranti locali)
- Il trasporto (trasferimenti e visite) in veicolo riservato
- Guida-accompagnatore parlante italiano per il tour collettivo e guide locali in lingua Italiana / inglese per il tour privato
- Ingressi a monumenti e zone archeologiche
- Assicurazione bagaglio e assistenza alla persona Ami Assistance
- Tasse e percentuali di servizio

LA QUOTA NON COMPRENDE:
- Trasporto aereo dall’Italia
- Bevande, mance, extra a carattere personale
- Visto d’ingresso in Birmania
- Tasse aeroportuali in partenza da Yangon (ca. USD 10)