Sikkim e Bhutan

Un percorso che abbina due paesi davvero unici: il minuscolo Sikkim incastonato come uno smeraldo nella corona dei monti Kanchenjunga e il Bhutan o Druk Yul “la terra del drago tonante”, accomunati dalla fede buddista e da un inalterato patrimonio culturale tradizionale. Buona parte del territorio è occupato da foreste di rododendri, querce e conifere dove abbondano uccelli e farfalle multicolori, laghi e cascate, sempre con lo sfondo spettacolare delle montagne. Non stupisce come un ambiente così singolare abbia dato origine ad una mitologia ricchissima tra cui spicca la leggenda dello Yeti, che riconduce alla natura divina di queste montagne.



IL VIAGGIO


12 giorni / 11 notti
Partenze individuali giornaliere

BHADRAPUR - GANGTOK - PEMAYANGTSE - KALIMPONG - PHUNTSHOLING - THIMPU - PUNAKHA - WANGDUE PHODRANG - PARO

1° giorno: KATHMANDU - BHADRAPUR -GANGTOK

Arrivo individuale a Kathmandu. Trasferimento all’aeroporto e volo di un’ora per Bhadrapur.
All’arrivo, si inizia il viaggio in auto per Gangtok.La strada che conduce a Gangtok, la capitale del Sikkim a 1550 m. di altitudine, è lenta e tortuosa, ma consente di apprezzare la bellezza del paesaggio con terrazzamenti coltivati, vallate e minuscoli villaggi dove su ogni casa sventolano le “bandierine di preghiera”. Arrivo e sistemazione in hotel.
Cena e pernottamento.

2° giorno: GANGTOK
Intera giornata dedicata alla visita della capitale del Sikkim, una città appena sfiorata dal turismo e un luogo sereno dall’atmosfera tipicamente himalayana. A 24 km dalla città si visita il monastero di Rumtek che conserva squisite pitture murali, icone e rari manoscritti, poi l’Istituto di Tibetologia, importante centro di studi con una biblioteca di oltre trentamila testi, il monastero di Enchayche, dall’alto di un sperone roccioso, domina il panorama della città.
Pensione completa.

3° giorno: GANGTOK / PELLING (PEMAYANGTSE)
Dopo la prima colazione partenza in auto per Pemayangtse, attraverso foreste semi-tropicali, piantagioni di cardamomo e piccoli villaggi rurali.
Visita del monastero di Pemayangtse del XVII secolo.
Sistemazione in hotel a Pelling.
Pensione completa.

4° giorno: LAGO KHECHOPALRI
Giornata dedicata ad un’escursione al lago Khechopalri, chiamato anche “lago dei desideri” e considerato sacro dalle popolazioni locali. Con un breve trekking di 45 minuti si raggiunge il monastero Sangacholing in vetta ad un’altura e da dove si gode una magnifica vista sulle montagne.
Pensione completa.

5° giorno: PEMAYANGTSE - KALIMPONG
Partenza al mattino per Kalimpong attraversando estese piantagioni di tè e con soste per ammirare panorami mozzafiato sull’Himalaya.Arrivo dopo circa 3 ore di viaggio e sistemazione in hotel.
Nel pomeriggio visita del monastero Dzangdopelri e passeggiata attraverso il bazar locale.
Pensione completa.

6° giorno: KALIMPONG - PHUNTSHOLING

Partenza in auto per il confine indo-bhutanese e Phuntsholing che si raggiunge in circa sei ore di viaggio (195 km.). Sistemazione in hotel.
Nel pomeriggio visita della moderna cittadina di Phuntsholing, la porta del Bhutan, che ospita numerose società commerciali ed è dominata da un piccolo “gompa”, monastero lamaista fatto costruire dalla madre del sovrano.
Pensione completa.

7° giorno: PHUNTSHOLING / THIMPU
Partenza per la capitale del Bhutan, Thimpu, situata a 2.500 m. di altitudine al centro di una valle fertile e soleggiata, che si raggiunge in circa sei ore di viaggio. Sosta a Bhunaka per il pranzo in ristorante locale.
Sistemazione in hotel.
Nel tardo pomeriggio passeggiata attraverso il bazar della città, particolarmente animato nel fine settimana.
Pensione completa.

8° giorno: THIMPU

Giornata dedicata alla visita della capitale bhutanese che comprende il National MemorialChorten, il TashichDzong, il “forte della fede gloriosa”, con oltre mille stanze e sette secoli di storia, centro amministrativo e religioso del Bhutan, residenza del sovrano, dei dipartimenti governativi e di oltre duemila monaci.
Si visitano inoltre l’istituto di medicina tradizionale,il museo del folklore e la scuola di pittura.
Pensione completa.

9° giorno: THIMPU /WANGDIPHODRANG / PUNAKHA
Lasciata Thimpu, la strada si arrampica a zigzag fra paesaggi maestosi e vegetazione tropicale di montagna fino al passo Dochu-la a 3140 m. Una foresta di “bandiere di preghiera e di edicole votive (chorten) si staglia sullo sfondo delle cime orientali dell’Himalaya.
Discesa verso Wangdiphodrang attraverso boschetti di rododendri e magnolie con sosta al tempio Chimi Lhakhang, detto “della fertilità”. Visita dello Dzong (monastero-fortezza) di Wangdiphodrang situato in posizione strategica alla confluenza di due fiumi.
Proseguimento per Punakha,situata a 1200 metri, con clima subtropicale e bellissima vegetazione. Visita del Punakha Dzong alla confluenza dei fiumi Po e Mo (padre e madre) e in seguito del secondo più antico Dzong del Bhutan, il DrukPungthangDecchenPhodrang (il palazzo della grande felicità) che fu sede del governo e che oggi è la residenza invernale dell’abate capo del Bhutan con il suo seguito di mille monaci.
Arrivo e sistemazione in hotel.
Pensione completa.

10° giorno: PUNAKHA / PARO

Dopo la prima colazione partenza al mattino presto per Paro, compiendo a ritroso il percorso attraverso il passo Dochu-La con magnifiche vedute sulla catena himalayana.
Presso il checkpoint si possono vedere i tre santuari in stile bhutanese, tibetano e nepalese costruiti per allontanare gli spiriti maligni.
Sistemazione in hotel a Paro.
Visita del TaDzong costruito nel 1651 come torre di guardia a difesa della valle, che oggi ospita il Museo Nazionale con una collezione di opere d’arte e dipinti Thanka. In seguito visita il RinpungDzong, una delle
fortezze più importanti del Bhutan che ospita la scuola monastica.
Pensione completa.

11° giorno: PARO (TAKTSANG)

Partenza al mattino presto per visitare uno dei luoghi più suggestivi del Bhutan, il monastero Taktsang, letteralmente “il nido della tigre”. La leggenda narra che il Guru Rinpoche (Padmasambhava) raggiunse questo luogo a dorso di una tigre alata per portare il buddismo in Bhutan dal Tibet.
Da SatsanChorten inizia una salita a piedi di circa due ore fino alla casa da tè di Taktsang e da qui, con un’altra ora di cammino, si raggiunge il monastero, abbarbicato alla montagna su uno strapiombo di circa 800 metri, alla base del quale si stende la valle di Paro. Il tempio fu costruito intorno ad una grotta dove – nell’ottavo secolo - il guru PadmaSambhava si ritirò a meditare.
L’esplorazione della valle di Paro prosegue con la visita del DrukgyelDzong, monastero-fortezza del 1644 costruito per assicurare il controllo dell’importante strada settentrionale verso il Tibet. Il paesaggio è molto suggestivo, dominato dalla mole del monte sacro Jhomalhari di 7314 metri. Prima di rientrare in albergo è prevista ancora una sosta presso uno dei monasteri più antichi del Bhutan, il KyichuLhakang.
Pensione completa.

12° giorno: PARO / KATHMANDU

Prima colazione in hotel e trasferimento all’aeroporto. VoloDruk Air per Kathmandu.

Sistemazioni alberghiere:
Gangtok, Norkhill (Heritage)
Pelling, Hotel The Elgin Mt. Pandim (Heritage)
Kalimpong, Hotel Silver Oaks (4*)
Phuntsholing, Hotel Wild Orchid (3*)
Thimpu, Hotel Druk (cat. A)
Punakha, Hotel Zangtopelri (cat. A)
Paro, Hotel Olathang/Nak-Sel&Spa Resort (cat. A)



TARIFFE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE: SU RICHIESTA