Corea: i due volti sorprendenti

Superare lo stereotipo che vuole la Corea Paese paradigma del progresso tecnologico e scoprire invece che sì, certamente è punta di diamante di ogni innovazione, ma al contempo è custode di tradizioni e spiritualità. È anche giardini e quiete, templi silenziosi e foreste, piccoli laboratori artigiani e meditazione zen. Fa parte del bagaglio culturale nazionale il grande patrimonio artistico costituito da templi buddisti e siti archeologici, principalmente legato alle antiche dinastie, di cui la più importante fu quella di Silla che dominò incontrastato per secoli . Grande importanza riveste l'arte della pittura e del disegno su carta di riso, la danza e le musiche tradizionali (gugak), a cui si aggiunge la lunga tradizione della medicina orientale basata sugli elementi naturali e sulla filosofia olistica.
Anche il popolo coreano costituisce una scoperta per il viaggiatore: cordiale, aperto all’Occidente e laboriosissimo, è strettamente legato alle sue antiche tradizioni e ai relativi rigidi e anche curiosi codici di comportamento.Un viaggio magnifico.



IL VIAGGIO



I luoghi Patrimonio dell’Umanità che visiterete


- Il tempio di Haeinsa, depositario delle tavole di legno Tripitaka
- Le aree storiche di Gyeonghiu
- La grotta di Seokguram e tempio di Bulguksa
- Il villaggio di Hahoe


13 giorni / 12 notti
Tour privato con guide locali parlanti inglese: partenze giornaliere

SEOUL – MUJU – GWANGJU – TEMPIO HAEINSA GAYASAN – BUSAN – GYEONGJU – ANDONG - SEORAK

1° giorno: SEOUL
Arrivo all’aeroporto di Incheon, incontro con la guida e trasferimento in hotel.
Fine giornata a disposizione.
Cena “korean barbecue” in ristorante locale.

2° giorno: SEOUL
Intera giornata dedicata alla visita di Seoul (tour collettivo con guida in lingua inglese), megalopoli modernissima, adagiata sulle rive del fiume Han che la divide in due aree.Originariamente la città era completamente circondata da massicce mura in pietra, oggi solo parzialmente visibili, con imponenti porte che durante la dinastia Joseon venivano aperte e chiuse ogni giorno al suono delle campane.
La visita comprende il palazzo Gyeongbok, il più grande e importante dei cinque palazzi costruiti durante la dinastia Chosun nel XIV secolo, con la sala del trono e il padiglione Gyeonghoeru eretto su 48 pilastri di granito al centro di un lago artificiale di fiori di loto.
Si visitano poi la Blue House, l’area presidenziale, il Museo del folklore, l’antico tempio buddista Chogyesa decorato da centinaia di lampade multicolori, il palazzo Changdok decorato con bellissimi dipinti e gli adiacenti Giardini Segreti, il quartiere tradizionale di Insadong, un’area pedonale affollata da botteghe di artigiani, gallerie d’arte e piccoli caffè.
Nel tardo pomeriggio si assiste allo spettacolo “Nanta”, un musical esilarante e coinvolgente che ha riscosso un grande successo in tutto il mondo.
Pensione completa.

3° giorno: SEOUL
Prosegue la visita della città (tour collettivo con guida in lingua inglese) con il villaggio Bukchon Hanok dalle strette viuzze fiancheggiate da case tradizionali, il mercato di medicina cinese e – per contrasto – la Seoul “N” Tower icona della città, dalla quale si ammira un panorama davvero mozzafiato.
Pensione completa.

4° giorno: SEOUL: uno sguardo sulla Corea del Nord
Tour collettivo con guida in lingua inglese alla zona demilitarizzata (DMZ), un’area che separa le due Coree, Nord e Sud, con tanto di dispiegamento militare, un luogo che è divenuto un’attrazione turistica con numerosi punti di osservazione da dove gettare uno sguardo sulla impenetrabile Corea del Nord.
Si vedranno il ponte Imjingak, l’Unification Village, il “Third Tunnel” e Panmunjeon dove si trovano gli edifici delle Nazioni Unite.
Di ritorno a Seoul si assiste allo spettacolo “SACHOOM” seguito dalla cena in ristorante italiano.
Mezza pensione che include la cena in ristorante italiano.

5° giorno: SEOUL – JEONJU – MUJU
In mattinata si lascia Seoul per il distretto centrale di Jeollabuk-do e il suo capoluogo Jeonju, che diede i natali alla dinastia reale Joseon. Appena fuori dalla città moderna si incontra il villaggio tradizionale Jeonju Hanok Maeul che sembra non aver risentito del trascorrere dei secoli. Il villaggio ospita oltre 800 “hanok”, le abitazioni tradizionali coreane, molte delle quali trasformate in musei, laboratori di artigiani e case da tè.
Il viaggio prosegue poi in direzione di Muju,piacevole località montana in un parco nazionale, con piste da sci, percorsi da trekking e mountain bike, campi da golf e il parco tematico dedicato allo sport nazionale coreano, il Taekwondo, un’arte marziale divenuta molto popolare in tutto il mondo.
Mezza pensione che include la cena in ristorante locale.

6° giorno: MUJU – BOSUNG – GWANJU (150 Km.)
In mattinata partenza per Boseong (Bosung) in posizione spettacolare fra le colline ricoperte da piantagioni di tè verde, che si coltiva in Corea da 2500 anni.
Proseguimento per Gwangju e visita del tempio Songgwang-sa, uno dei più antichi santuari Zen della Corea, fondato nel 867 d.C. e che ospita una comunità di monaci buddisti della setta Jogye.
Mezza pensione che include la cena in ristorante locale.

7° giorno: GWANGJU – GAYASAN (TEMPIO HAEINSA)
Lasciata Gwangju, si raggiunge il celebre tempio Haeinsa, uno dei tre templi-gioiello del buddismo, attivo centro di insegnamento Zen, nonché patrimonio dell’umanità UNESCO.
Il “tempio della riflessione su un mare calmo” secondo la sua definizione originaria, ospita numerosi tesori artistici e soprattutto le “Tripitaka Koreana”, l’intera collezione di 81.258 tavolette lignee contenenti le scritture buddiste che il tempio custodisce dal 1398.
Dopo la registrazione per accedere al tempio, cerimonia del tè e meditazione.
Pernottamento in camerate maschili e femminili (massimo 8 persone per camera).
Mezza pensione che include la cena vegetariana in monastero.

8° giorno: TEMPIO HAEINSA – BUSAN (210 Km.)
Alle 03.30 del mattino incontro con i monaci del tempio e meditazione.
Dopo la prima colazione partenza per Busan, la capitale economica del sud.
Visita della città con il caratteristico mercato del pesce, la torre panoramica, il tempio Yonggungsa costruito sulle rocce a strapiombo sul mare, il parco naturale Taeojongdae con foreste di pini, suggestive formazioni rocciose e scogliere, le sorgenti termali.
Mezza pensione che include la cena in ristoranteseafood.

9° giorno: BUSAN – GYEONGJU
In mattinata trasferimento a Gyeongju, con sosta durante il percorso a Ulsan, dove si trovano i cantieri navali Hyundai, i più grandi del mondo.
Sistemazione in hotel a Gyeongju.
Nel pomeriggio visita della città che fu capitale della dinastia Silla fra il VII e il IX secolo e che conserva importanti vestigia storiche e archeologiche inserite dall’UNESCO fra i Patrimoni dell’Umanità, tanto da essere definita “museo a cielo aperto”.
Visita del Museo Nazionale, il più importante museo storico della Corea.
La visita prosegue con l’osservatorio astronomico Chomsungdae, costruito fra il 632 e il 646 d.C. secondo criteri e simbologie sofisticatissimi, e poi il parco delle tombe reali dei monarchi Silla che, come per le tombe egizie, custodivano favolosi tesori.
Mezza pensione che include la cena in ristorante tradizionale.

10° giorno: GYEONGJU – ANDONG
Visita del tempio di Bulguk-sa, patrimonio Unesco,che rappresenta l’apice e l’eccellenza dell’arte e architettura Silla situato fra pinete e giardini fioriti; della grotta Seokguram che ospita un’immagine del Buddha Sakyamuni circondato da una piccola folla di deità minori.
Quindi partenza per Andong che dista 120 km. Visita dell'accademia confuciana di Dosan Seowon, la più antica del Paese fondata nel 1574 da uno dei più illustri studiosi di questa filosofia. L'insieme è formato da una dozzina di edifici in cui si tengono ancora oggi corsi e seminari. Al termine visita del Museo delle Maschere e del villaggio tradizionale Hahoi con case che risalgono al XV secolo, in un ambiente bucolico e perfettamente conservato.
Mezza pensione che include la cena con menu mediterraneo.

11° giorno: ANDONG / MONTE SEORAK
Partenza per il parco nazionale del Monte Seorak che dista 230 km. in direzione nord-est, una delle zone montagnose più belle della Corea con verdi vallate, cascate, templi e sorgenti termali.L’area è particolarmente bella in primavera, con una fioritura mozzafiato, e in autunno quando gli alberi assumono le calde tonalità del rosso e dell’oro.
Lungo il percorso, sosta per la visita del tempio Naksansada dove si gode un bel panorama sull'oceano e poi al villaggio Sockcho.
Mezza pensione che include la cena in ristoranteseafood.

12° giorno: MONTE SEORAK – SEOUL
In mattinata visita del parco nazionale Seorak, con un percorso in funivia fino alla fortezza Gwongumsung.
Visita del tempio Shinhungsa e poi partenza per Seoul (290 Km.)
Arrivo nel tardo pomeriggio.
Mezza pensione che include la cena presso la steakhouse “Outback”.

13° giorno: SEOUL
Prima colazione in hotel. Trasferimento all’aeroporto Incheon per il volo di rientro in Italia.

Sistemazionialberghiere

 

Superior

Budget

Seoul

Ramada GangnamHotel

YoidoHotel

Muju

Muju Resort

Muju Resort

Gwangju

Mudeung Park Hotel

Mudeung Park Hotel

Haeinsa

Temple

Temple

Haeinsa(*)           

Haeinsa Hotel      

Haeinsa Hotel

Busan

NongshimHotel   

RamirHotel

Gyeongju

HyundaiHotel

Kolon Hotel

Andong

AndongRetchel Hotel        

Andong Park Hotel

Seorak

Kensington Hotel

Seorak Park Hotel



TARIFFE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE SU RICHIESTA 

 



Link Astoi

Carréblu è socio