Tesori dell'India Centrale

È qui che si svela il volto più mistico dell’India: il totale rispetto per ogni essere vivente interpretato da induismo, buddismo, islamismo e fede jaina. Luoghi di vera, intensa magìa e colossali opere architettoniche appena sfiorati dal turismo.



IL VIAGGIO



I luoghi Patrimonio dell’Umanità che visiterete

Le Grotte di Elephanta
I monumenti buddisti di Sanchi
I ripari sotto-roccia di Bhimbetka


13 giorni / 12 notti
Partenze individuali giornaliere


MUMBAI - AHMEDABAD - BHAVNAGAR - VADODARA - MAHESHWAR - BHOPAL - DELHI

1° giorno: MUMBAI
Arrivo a Mumbai in tarda serata.
Accoglienza in aeroporto e trasferimento privato in hotel.
Pernottamento.

2° giorno: MUMBAI
Mumbai o Bombay è chiamata “la porta dell’India” e mai come oggi questa definizione suona appropriata: commercio, industria, economia, cinema, moda, tutto passa da questa megalopoli di 18 milioni di abitanti.
Più “occidentale” di ogni altra città indiana – caratteristica che lascia un po’ freddo il turista – Mumbai merita una visita meno frettolosa di quella che spesso le si concede. I suoi mercati, i musei, il quartiere dei lavandai, lo splendido panorama della baia e di Marine Drive, lo shopping interessantissimo sono un’altra sfaccettatura del caleidoscopio indiano.
Prima colazione e pernottamento.

3° giorno: DELHI - AHMEDABAD
Si raggiunge in volo la capitale del Gujarat, importante polo dell’industria tessile.
Ahmedabad, attraversata dal fiume Sabarmati che separa la parte vecchia dalla nuova, è una città dinamica con edifici islamici quattrocenteschi. Durante la visita della città si vedranno alcune moschee e mausolei del XV secolo, tra cui la Sidi Bhasir, nota per la coppia di minareti “oscillanti”. Tipici della zona sono i “baholi” , pozzi monumentali a scalini che digradano verso il fondo con la cisterna d’acqua. Le gradinate sono intervallate da terrazze a colonne con bei bassorilievi e sculture.
Ad alcuni chilometri dal centro cittadino, sulla riva del fiume Sabarmati, si visita l’ashram fondato dal Mahatma Gandhi nel 1915, dal quale promosse la “marcia del sale” che diede inizio al processo di liberazione dal colonialismo britannico.
Prima colazione e pernottamento.

4° giorno: AHMEDABAD - LOTHAL - BHAVNAGAR
Procedendo verso sud si arriva a Lothal dove visitiamo il sito archeologico con i resti di un insediamento della civiltà dell’Indo databile al 3500 a.C. Si raggiunge poi Bhavnagar dove si alloggia nella ex-residenza del maharaja locale. Molto piacevole una passeggiata nel bazar dove si vendono colorati manufatti e monili di perline tipici di questa zona.
Prima colazione e pernottamento.

5° giorno: BHAVNAGAR (PALITANA)
A soli 55 km. da Bhavnagar, presso la cittadina di Palitana, visitiamo uno dei più straordinari centri di pellegrinaggio jainista dell’intera India: la collina sacra Satrunjaya con 863 fra templi, santuari, fortificazioni, torri e pinnacoli edificati nel corso di quasi un millennio a partire dal XI secolo.
Una scalinata di due chilometri con un dislivello di 600 metri sale lungo il fianco della collina, in vetta alla quale i templi marmorei sono riuniti in nove gruppi e recintati da mura.
Rudimentali portantine sono a disposizione di chi non se la sente di affrontare la salita camminando.
La fatica è ampiamente ricompensata dalla magnificenza dei templi, dedicati ai profeti del jainismo, in parte distrutti dai musulmani nel XV secolo e ricostruiti a partire dal XVI secolo. I lavori di costruzione continuano tuttora, con l’edificazione di nuovi templi patrocinata dai ricchi mercanti jain.
Prima colazione e pernottamento.

6° giorno: BHAVNAGAR - VADODARA
Per raggiungere la nostra prossima meta ,Vadodara, si attraversa la “cintura tribale” dove sopravvivono tradizioni e stili di vita del passato. Splendidi costumi, gioielli d’argento e voluminosi turbanti resistono alle mode e agli stili di vita di provenienza occidentale. Anche Vadodara, l’antica Baroda città “di palazzi e giardini” , tuttora risente dell’influenza delle passate favolose dinastie regnanti pur essendo un fiorente centro industriale.
Nel pomeriggio visita della città che comprende residenze della locale famiglia regnante, il museo e il pozzo monumentale Baholi Naulaki.
Prima colazione e pernottamento.

7° giorno: VADODARA - DHAR
Si parte alla volta del MadhyaPradesh, il più esteso fra gli stati indiani, una tappa di circa 250 km che conduce a Dhar. Sistemazione presso l’ex residenza del governatore inglese ora piccolo Heritage hotel.
Prima colazione e pernottamento.

8° giorno: DHAR - MANDU - MAHESHWAR
Dhar è base di partenza ideale per andare alla scoperta di un’altra straordinaria località: Mandu, una delle cittadelle fortificate più vaste del mondo, con una cinta muraria di ben 75 km, che domina dall’alto la valle dove scorre il fiume Narmada.Il contesto naturale bello e selvaggio, con grandi baobab che punteggiano la campagna, accresce l’atmosfera quasi incantata.
La visita comprende tre zone distinte: il Royal Enclave, un complesso di edifici presso due laghi artificiali che include il Jahaz Mahal o “palazzo della nave”, l’edificio più famoso di Mandu; il Village Group, con la raffinata moschea Jami Masjid in stile afgano ed il mausoleo in marmo bianco di Hoshang Shah, al quale pare si sia ispirato l’imperatore Shah Jahan per la costruzione del Taj Mahal. L’ultima zona, o Rewa Kung, è situata nella parte meridionale della cittadella e comprende, tra l’altro, il “palazzo degli elefanti” e il palazzo di Baz Bahadur, ultimo re della dinastia Parmar. Numerose romantiche leggende legano il nome del re a quello della poetessa Rupmati, alla quale è dedicato un padiglione che si affaccia sul fiume da uno strapiombo di oltre 600 metri.
Proseguimento per Maheshwar, dove si soggiorna nel forte dimora dei principi Holkar, in posizione dominante il fiume Narmada e i suoi ghats.
Mezza pensione che include la cena.

9° giorno: MAHESWAR e OMKARESHWAR
Maheshwar è una piccola città citata nei poemi epici del Ramayana e del Mahabharata. Il fiume Narmada, lungo il quale cippi commemorativi ricordano i sacrifici “sati” delle vedove sui roghi dei mariti, aggiunge un’aura mistica a questo luogo fuori dal tempo, davvero straordinario.
Visita della vicina località di Omkareshwar, un’isola alla confluenza dei fiumi Narmada e Kaveri, la cui forma ricorda il più sacro dei simboli indù: l’”Om” e per questo, meta di pellegrinaggio al tempio dedicato a Shiva.
Mezza pensione che include la cena.

10° giorno: MAHESHWAR – UJJAIN - BHOPAL
Seguendo il filo conduttore della religione induista visitiamo Ujjain, una delle quattro città sacre dove ogni dodici anni si tiene il grande raduno del Kumbh Mela, una celebrazione che richiama milioni di fedeli.
Proseguimento per Bhopal, la capitale del Madhya Pradesh, uno degli stati più estesi del sub-continente. Bhopal, adagiata fra laghi e colline, è una città bella e antica che dinastie di nababbi hanno arricchito con pregevoli monumenti. Si pernotta in un bel edificio storico, ex residenza di notabili locali.
Prima colazione e pernottamento.

11° giorno: BHOPAL (SANCHI E BHIMBETKA)
A 60 km da Bhopal, Sanchi è una delle località fondamentali del buddismo in India, perché qui l’imperatore Ashoka fondò il primo complesso monastico nel III secolo a.C. Il monumento principale è il Grande Stupa che sorge su una collina, in un’atmosfera di grande serenità. Quattro portali o “torana” rivolti ai quattro punti cardinali sono arricchiti da bellissimi bassorilievi che illustrano scene dalla vita del Buddha.
Disseminati su una vasta area intorno allo stupa si trovano i resti di monasteri e luoghi di ritiro e meditazione.
Raggiungiamo in seguito Bhimbetka, un’area di foresta dove sono state scoperte oltre 600 grotte con dipinti rupestri risalenti al Paleolitico superiore che rappresentano scene di caccia e cerimonie religiose.
Prima colazione e pernottamento.

12° giorno: BHOPAL - DELHI
In tarda mattinata si raggiunge Delhi in volo.
La monumentale capitale indiana ci accoglie con le tipiche contraddizioni indiane: razionalità delle multinazionali e folla frastornante dei bazar, fast food e chai shop, grattacieli e fortezze medioevali, schermi al plasma e insegne pubblicitarie dipinte a mano.
Prima colazione e pernottamento.

13° giorno: DELHI (partenza)
Prima colazione. Trasferimento all’aeroporto e partenza per la successiva destinazione.




TARIFFE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE: SU RICHIESTA 



Link Astoi

Carréblu è socio